Cerca

News menu

Video Recenti

Guarda video
Votato 0
13008 Visualizzazioni
07:47
Guarda video
Votato 0
15579 Visualizzazioni
0:00:00
Guarda video
Votato 0
16003 Visualizzazioni
0:00:00
Guarda video
Votato 0
16199 Visualizzazioni
0:00:00

Video Più Visti

Guarda video
Votato 0
16199 Visualizzazioni
0:00:00
Guarda video
Votato 0
16003 Visualizzazioni
0:00:00
Guarda video
Votato 0
15579 Visualizzazioni
0:00:00

Presentazione Monogrfia "Noi Vagabondi" Elvino Echeoni

Valuta questo articolo
(0 voti)

Arte è una parola che viene da molto lontano e con il tempo è stata oggetto di diverse interpretazioni.
Per i greci l’arte era tèchne, ossia saper fare, indicava un’abilità tecnica di tipo essenzialmente pratico che l’uomo non possedeva come istinto naturale o impulso primordiale, ma poteva e doveva apprendere con fatica e studio. Fu proprio attraverso la tèchne che la Grecia riuscì a trasformare se stessa e l’ambiente circostante diventando modello indiscusso di civiltà...Con il tempo la parola arte, per la conoscenza dei principi generali che comportava inizia ad emanciparsi, da semplice abilità empirica e servile inizia a trovare una specifica connessione con la scienza e le attività intellettive. Verso la fine del ‘300 si discuteva se fosse o meno giusto che i pittori fossero membri delle arti meccaniche dato che il loro lavoro esigeva una conoscenza specifica della prospettiva e dei testi sacri e quindi della matematica e della teologia.
Questa maturata consapevolezza delle arti si accompagna a profonde trasformazioni della figura sociale dell’artista che nel Rinascimento, vedendo riconosciuta ed enfatizzata la sua dignità, inizia a firmare la sua opera creativa.

L’opera inizia ad arricchirsi della personalità e delle idee dell’artista che nel seguente periodo Barocco viene celebrato per il suo ingegno, il suo acume, la sua inventiva, la sua capacità di giudizio che, congiunta al suo naturale modo di essere e di sentire, ben si colloca nell’emergente dibattito sul gusto, ossia quella facoltà umana di cogliere e godere la bellezza che si realizza pienamente nel retto incontro tra soggettività ed oggettività, tra ragione e sentimento, tra particolare ed universale. Attraverso tali riflessioni i caratteri della soggettività e dell’interiorità andranno a riscuotere progressivamente un apprezzamento tale da concorrere prima con la tanto celebrata ragione, espressione dell’intelletto, che nel frattempo aveva portato all’età dei lumi, per poi imporsi e superarla proponendo i nuovi concetti di fantasia, sentimento, genio ed intuizione, che nel frattempo andavano consolidandosi e che verranno poi definitivamente glorificati nell’emergente periodo del Romanticismo...
L’arte così diventa un puro prodotto della soggettività e dell’interiorità umana, non è più una disciplina insegnabile e acquisibile attraverso lo studio ed artista è colui che dalla nascita possiede spontaneamente questi particolari talenti innati con i quali è in grado di creare dal nulla, liberamente, ponendosi al di sopra delle regole e delle tecniche. L’artista romantico è un uomo leggendario, geniale, dotato di facoltà superiori, che tanto più è autentico tanto più il suo scavare dentro e perpetuare il suo pensiero ha valore universale ed escatologico, è portatore di una nuova sensibilità, il suo straordinario intuito supera ogni ragione e senso comune, è un eroe che in solitudine affronta virtuosamente la sproporzione e si confronta con l’infinito, la sua attività è il risultato di una vocazione, è il vero chiamato, l’artista per eccellenza è il vate, guarda nell’essenza delle cose ed indica la via...

Questi nuovi valori particolari inevitabilmente hanno condotto o per lo meno hanno favorito la successiva frammentazione dell’unità razionale che vede nel Novecento un prolificare non omogeneo di multiformi e inconciliabili esiti artistici, a volte discutibili e degradanti, che in qualche modo hanno mantenuto un’unità di fondo nella comune concezione Romantica di intendere la figura dell’artista...Questo breve sguardo nella storia è il risultato di una semplificazione che non vuole essere una visione esaustiva ed appagante del più complesso ed effettivo fenomeno artistico, ma solo un modo per consentire in maniera più o meno efficace, anche ai meno addetti ai lavori, di poter comprendere adeguatamente come e perché la parola arte, con il tempo, ha acquisito una ricchezza semantica tale da indicare realtà talvolta opposte e inconciliabili tra loro, rendendo difficile, di volta in volta, stabilire un criterio forte capace di orientare e di rendere meno incerto e ambiguo il corretto discernimento della realtà che la parola descrive: quante volte abbiamo sentito dire quel parrucchiere è un artista nel taglio dei capelli, quel muratore ha tirato su un muro a regola d’arte, oppure quel padre possiede l’arte di crescere i figli e così via... c’è qualcuno che per portare un po’di ordine è arrivato a dire che artista è colui che è riconosciuto come tale, ma anche laddove si parla di artisti blasonati e celebrati nei secoli, c’è chi ritiene più artista Leonardo piuttosto che Michelangelo, Mozart piuttosto che Bach... nel nome dell’arte si dice, più o meno legittimamente, tutto ed il contrario di tutto, anche con competenza ed onestà intellettuale.

Nonostante questa evidente difficoltà nel rintracciare un criterio forte capace di regolare complessivamente la parola arte, possiamo tuttavia rilevare come principio debole, sin dalle più immediate analisi del termine, che di fatto l’uomo ha sempre considerato il suo rapporto con l’arte come qualcosa di essenziale e costitutivo, come qualcosa di decisivo per la sua vita, che ha segnato ed amplificato le sue possibilità esistenziali liberandolo prima dalla totale dipendenza dalla natura, permettendogli di emergere dall’originaria bestialità e di rappresentarsi come qualcosa di diverso e superiore alle altre creature, per poi estendere sempre di più i suoi orizzonti fino a dargli a tratti la sensazione e l’illusione di potersi confrontare alla pari con la divinità. Tuttavia questo nuovo profilo ontologico, seppure reca all’uomo una dignità superiore, lo rende inquieto, non si risolve più nella natura senza residuo come le altre creature, è consapevole che c’è qualcosa di essenziale e misterioso che gli sfugge, ma non sa né cosa sia, né se gli spetta di diritto, né se sia una realtà originaria alla quale possa aspirare, ma che sente in qualche modo appartenergli. Egli può solo scegliere di errare nella speranza “...di trovare un mondo vero dove vivere e giocare e forse li fermarsi e prendere quello che gli appartiene...” 1

… Ed ecco l’arte ancora venire in soccorso dell’uomo, spingendolo nei secoli nel suo incessante vagabondare, ora consolandolo, ora nutrendolo, ora illuminandogli la via che ogni tantosmarrisce in questa moltitudine di sentieri interrotti che di volta in volta incontra nel suo cammino…
L’artista, o meglio il vagabondo come a noi piace intenderlo, sa di non possedere questa essenzialità sfuggevole che realizza senza scarto la sua natura, questo significato ultimo al quale anelare... non sa nemmeno se ciò a cui aspira esista realmente o è solo un’illusione maligna, un difetto della sua particolare natura, senza scopo, ma spinto dall’amore e dalla speranza, inizia a cercare, con umiltà, avventurandosi con intelligenza e competenza nei nuovi sentieri che via via egli va scoprendo lungo il suo avanzare, senza arrendersi, consapevole di avere le capacità e le tecniche necessarie per procurarsi ogni volta ciò di cui ha bisogno per proseguire.
È un uomo a metà strada tra due differenti modelli di umanità, l’uno superato, l’altro ancora da realizzarsi... due differenti modelli che, per la loro costituzione, non hanno l’esigenza di incamminarsi... e che vive questo particolare modo d’esserci con consapevolezza e responsabilità, ironia ed onestà, voglia di vivere e personalità, lieto di scorgere ancora molte strade da battere e molti nuovi significati da valutare, senza lasciarsi sopraffare dalle mode, dai vizi, dalle basse passioni... non è un santo e spesso sbaglia, si perde, ma sa ogni volta rialzarsi e rimettersi in gioco con umiltà e decoro... cercando di fare della credibilità, lavata con l’esempio, il fondamento ed il valore del suo operare, con sacro rispetto delle tanto bistrattate masse, di chi lo giudica e di chi prontamente lo sostiene...

1260 Commenti

  • Link del commento Paper Writer Free Lunedì 02 Aprile 2018 21:47 inviato da Paper Writer Free

    cover letter resume cover letter resume resume writing service resume writing service

  • Link del commento StevenaCOX Lunedì 02 Aprile 2018 20:56 inviato da StevenaCOX

    pfizer viagra earnings http://viagraivo.com insurance pays for viagra and not birth control viagra generic

  • Link del commento StevenaCOX Lunedì 02 Aprile 2018 20:31 inviato da StevenaCOX

    should i use cialis or viagra http://viagraivo.com how can i tell if my husband is taking viagra generic viagra

  • Link del commento Loans For Bad Credit Lunedì 02 Aprile 2018 20:25 inviato da Loans For Bad Credit

    loan application not a payday loan get a loan apply for loan

  • Link del commento StevenaCOX Lunedì 02 Aprile 2018 20:06 inviato da StevenaCOX

    viagra and baby aspirin http://viagraivo.com waar krijg ik viagra viagra generic

  • Link del commento Direct Lenders Lunedì 02 Aprile 2018 19:15 inviato da Direct Lenders

    personal loans with low interest rates personal loans low interest low interest personal loans loans las vegas nv

  • Link del commento StevenaCOX Lunedì 02 Aprile 2018 17:56 inviato da StevenaCOX

    can i get viagra without insurance http://viagraivo.com can you buy viagra from asda buy generic viagra

  • Link del commento JamesHip Lunedì 02 Aprile 2018 17:34 inviato da JamesHip

    buy women viagra india
    buy generic viagra online
    price of viagra in us
    buy generic viagra online
    can you buy viagra over counter
    viagra pill
    qual melhor generico do viagra
    viagra tablet
    viagra online sales

  • Link del commento aaa car insurance Lunedì 02 Aprile 2018 17:20 inviato da aaa car insurance

    compare the market car insurance quotes auto insurance auto insurance extremely cheap car insurance

  • Link del commento StevenaCOX Lunedì 02 Aprile 2018 17:04 inviato da StevenaCOX

    girl after taking viagra http://viagraivo.com mixing drugs and viagra does generic viagra work

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Lascia un commento

Assicurati di aver inserito i campi obbligatori contrassegnati da un asterisco (*)